Plansoft e la formazione digitale

Simone Masi Simone Masi

La posizione dell’Italia nel ranking internazionale di attrattività degli investimenti è un basso 16° posto tra i paesi più avanzati, come si è appreso al 45° Forum di Cernobbio.

Gli investimenti in formazione e innovazione hanno perciò un’importanza strategica affinché l’Italia acceleri la transizione al digitale, step necessario al miglioramento a livello internazionale. Secondo i dati Anitec-Assinform sulla digitalizzazione dell’Italia, il mercato digitale segnerà un +2,8% nel 2019 per un valore intorno ai 72 miliardi di Euro. Di questi, quasi il 7% riguarda il settore del software e soluzioni ICT. 

Lo stesso rapporto sottolinea il ruolo crescente delle nuove tecnologie ed il loro peso nella transizione italiana al digitale: mobile business, IoT, Big Data e Cloud ai primi posti per crescita e valore di mercato. 

Queste tendenze si confermano anche nell’ultimo studio “Osservatorio Competenze Digitali”, che sottolinea l’importanza della formazione del fattore umano per la transizione al digitale delle aziende italiane. A fronte di un aumento di offerte di lavoro (+7%) nel settore ICT, risulta non essere ancora adeguata l’offerta di risorse da parte del sistema educativo, in particolare dal mondo universitario.

Quasi il 65% delle richieste di lavoro riguarda sviluppatori e consulenti ICT, e la maggior parte delle richieste proviene da aziende del Nord-Ovest. Del totale nazionale, il 49,1% riguarda posizioni per sviluppatori.

crescita del mercato

Plansoft accetta la sfida e tramite la sua divisione Plansoft Academy continua l’investimento in ricerca e formazione digitale su giovani e professionisti interessati a divenire i nuovi talenti del futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *